L’Istat, il nostro istituto di statistica, ha riscontrato che sono tornati a crescere, seppur di poco, i matrimoni in Italia che da anni erano in costante calo.

Un trend in continua crescita

È importante evidenziare che i dati statistici non prendono in considerazione il 2020, dove tutto si è fermato a causa della pandemia da COVID19.

I dati statistici evidenziano un trend in crescita per il periodo che va dal 2014-2019, con un’inversione di tendenza rispetto al precedente periodo analizzato, dove tra il 2009 ed il 2014 i matrimoni sono diminuiti di circa 10 mila unità per anno.

Un punto a svantaggio 

La nota dolente è che anche i costi sono sempre in aumento. Non sono bastati cali, crisi od altro per far scendere i costi dell’organizzazione di un matrimonio. Costi notevoli, e da alcune recenti analisi effettuate da Compass e ProntoPro, è stato stimato che il costo medio di un ricevimento di 100 inviati, comprendente: abiti, cibo, addobbi, musica ed altro, ammonta a circa 15 mila euro, con grandi differenze a livello locale.

Vediamo alcuni esempi: a Roma sposarsi costa circa 19 mila euro, mentre a Campobasso ne servono 13 mila di euro. Sono molti anche i fattori che vanno ad incidere sui costi reali, in quanto le varie aggiunte, come ad esempio le bomboniere, la tipologia del viaggio di nozze ed altro non fa che aumentare le spese a cui andranno incontro i futuri sposi.

Conclusioni

In conclusione, possiamo affermare che il giorno delle nozze, da sempre comporta un notevolissimo impegno economico, che neanche la recente pandemia è riuscito a calmierare.

Tornano a crescere i matrimoni in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *